L’Amore fa

L’amore fa l’acqua buona
fa passare la malinconia
crescere i capelli l’amore fa
l’amore accarezza i figli
l’amore parla con i vecchi
qualcuno vuole bene ai piu’ lontani
anche per telefono
l’amore fa guerra agli idioti
agli arroganti pericolosi
fa bellissima la stanchezza
avvicina la fortuna quando puo’
fa buona la cucina
l’amore e’ una puttana
che onora la bellezza
di un bacio per regalo

cose che fanno ridere
l’amore fa
cose che fanno piangere

l’amore fa belli gli uomini
sagge le donne
l’amore fa
cantare le allodole
dolce la pioggia d’autunno
e vi dico che fa viaggiare, si’
illumina le strade
fa grandi le occasioni
di credere e di imparare

cose che fanno ridere
l’amore fa
cose che fanno piangere

fa crescere i gerani e le rose
aprire i balconi
l’amore fa
confondere le citta’
ma riconoscere i padroni
l’amore lo fa
aprire bene gli occhi
amare piu’ se stessi
l’amore fa bene alla gente
comprendere il perdono
l’amore fa.

l’amore fa guerra agli idioti
agli arroganti pericolosi
fa bellissima la stanchezza
avvicina la fortuna quando puo’
fa buona la cucina
l’amore e’ una puttana
che onora la bellezza
di un bacio per regalo

cose che fanno ridere
l’amore fa
cose che fanno piangere

[L’amore fa di Ivano Fossati]

Credi che io non ricordi quando ti ho inviato questa canzone?
Ed invece…poche settimane che eri al mio fianco, era di mattina,
qualche minuto rubato al lavoro per inviarti un’e-mail; la tua risposta,
come sempre breve, ma mirata, unica. Da allora una delle nostre canzoni.
Oppure credi che non ricordi Agosto 2008?
In questo periodo stavamo lottando con la tua ipofisi,
i valori troppo bassi, la disidratazione.
Ed anche lo scorso anno avevo le gambe rosse che bruciavano per il troppo camminare.
La prima passeggiata a Pompei. Ci sono ritornata.
Era una promessa, anche se non è andata esattamente come speravamo.
Oppure credi che non sappia che oggi è Ferragosto, che siamo in estate,
che sono in ferie, che ci sono le vacanze, che sono 300 giorni che tu non ci sei più?
I miei occhi, la mia mente, il mio cuore vivono il presente, sono proiettati faticosamente verso il futuro, ma sempre sono rivolti al passato. Al ricordo di te, del tuo amore, di Umberto, del nostro amore.

Maria Rosaria

Lascia un commento