19 ottobre 2010

Ci siamo, sono passati due anni.
E sono qui a pensarti e a ricordarti.
…non dormo, ho gli occhi aperti per te…
E il pensiero non può non tornare a quella domenica mattina.
Lo squillo del telefono ore 7.25 ero in bagno
mi stavo preparando per venire da te a Sant’Angelo.
Uno shampoo che non dimenticherò.
Dopo qualche minuto mia madre e mio padre
aprono la porta, la loro faccia non mi piace,
ma non avrei mai immaginato di sentirmi dire,
Umberto se n’è andato.
Ma dove? nooo è a Sant’Angelo non in sala di rianimazione.
E siamo qui a pensarti ed amarti e a ricordarti, immutatamente.
Maria Rosaria

Lascia un commento