Sei nell’Anima

“Sei nell’anima. E lì ti lascio per sempre.
Sospeso. Immobile. Fermo immagine.
Un segno che non passa mai”
Cosa farebbe, cosa direbbe Umberto?
Ci provo a pensare, ad agire come lui, ma è impossibile. Di Umberto ce n’era uno soltanto.
Ci provo a pensare, ad agire come se lui mi fosse ancora accanto, ma i suoi sguardi, le sue carezze, i suoi consigli non ci sono più.
Sono un granello (di polvere) al suo confronto.
E ogni giorno è una lotta, una lotta contro la vita.
Contro il mondo, il lavoro, la stupidità, la superficialità. Tutto sembra inutile, superfluo.
“Buon fine settimana”…???? Ma come si fa…..
Maria Rosaria

E io verrò un giorno là

Come puo’ un uomo uccidere il suo Amore e pensare di consolarsi…
perchè è stato un errore…
Io son qua, e ti sento, sento ancora che ci sei!
Ma è troppo stanca quest’ illusione di ciò che ho perso e che vorrei…
La mia ferita…che cos’è, aiutami a guarire!
Proprio tu, che sei la luce,  ma anche l’ombra del dolore.

Dentro me…E io verrò un giorno là, ci daremo la mano e
poi mai più ti lascerò, voleremo davvero!

E resta qua, vicino a me, non lasciarmi mai sola,
ho paura che senza te, non vivrò mai davvero…Mai!!!

Com’ è successo, che proprio io, abbia spento il tuo sorriso!
Nel silenzio di una colpa che non riesco a perdonare…

L’immenso vuoto che hai lasciato, il mio corpo non può colmare,
perché l’eterno, è così grande che nulla può contenere dentro me…
Ma io verrò un giorno là, ci daremo la mano e poi mai più ti perderò, ci saremo davvero!

E resta qua, stringiti a me a me, non lasciarmi mai sola,
ho paura che senza te non vivrò più davvero…Mai!!!

E io verrò un giorno là, ci daremo la mano e
poi mai più ti perderò, ci ameremo davvero!

E resta qua, stringiti a me, non lasciarmi mai sola,
ho paura che senza te, non vivrò mai davvero…Mai!!!

[Festival di San Remo 2009 –  Patty Pravo –  testo e musica di A. CUTRI]

Senza di te non vivo più  davvero.
Spero che il giorno in cui potrai di nuovo poggiare
la tua testa sulle mie gambe, venga il prima possibile. Magari oggi o domani.
Maria Rosaria

Per sempre. Senza di lui

19 febbraio. Sono trascorsi quattro mesi. Ma sembrano quattro anni, quattro secoli. I giorni sono infiniti. Si trascinano stancamente, faticosi, dolorosi. Sembra non ci sia più niente da fare. Nessun motivo per continuare. I ricordi si affollano e sbattono con violenza nella testa. E’ l’unica cosa che rimane. Insieme all’amore che provo per lui. So che se potesse mi guarderebbe con il suo faccino, con il sorriso abbozzato e mi direbbe, come sempre quando ero un pò triste o mi ponevo le mie mille e più domande per ogni cosa: Tesò ma vuo’ finì! E mi stringerebbe forte chiamandomi tormentina mia. Ma come si fa a convivere con il dolore, il vuoto, la solitudine? Senza di lui. Per sempre.
Maria Rosaria

auguri

E’ arrivato e passato il venticinquesimo..è stato il compleanno piu’ triste che abbia mai trascorso.Se un anno fa mi avessero detto che quella sarebbe stata l’ ultima volta che avrei ascoltato le tue battute,mi sarei arrabbiata a morte e mai…mai avrei accettato,anche solo l’ idea, di perdere il mio fratellone.Umbè avrai visto ,che a differenza di altre volte,ieri non c’ era niente di buono,nessun tavolo preparato,c’ era solo il vuoto,ed il dolore immenso di non poter piu’ festeggiare con te.Ricordo con enorme nostalgia, quando il 9 febbraio dello scorso anno,scendesti giu’,e trovando il tavolo preparato,mi dicesti:”Chiara ma che arriva un reggimento!Mi presenti qualche amico tuo stasera?” E poi voltandoti di spalle,imbarazzatissimo come sempre,mi dicesti:”quando puoi vai su,c’ è qualcosa per te,un contributo per le tue finanze”.Umbè come si fa…dimmelo tu come si può anche solo convivere con un dolore cosi’ grande,perchè io non ne sono capace..Silvestro ha proprio ragione,non ci sara’ mai nessuno che potra’ fornire una motivazione valida alla tua scomparsa..non esiste motivazione, perchè tu non dovevi andare via..A volte mi chiedo, a chi dice che la vita è bella, che vale la pena viverla, se crede davvero in quel che dice, o sono solo parole di circostanza, perchè, detto sinceramente, una vita che ti strappa un fratello, facendolo soffrire fino all’ inverosimile,quasi come una presa in giro,una vita che ti mette in ginocchio lasciandoti senza un briciolo di forza..Bhe’ non credo che questa sia una bella vita..Umberto auguroni anche a te..un bacio e a presto..
p.s.”Umbertone ricordati che la sorellina ti vuole sempre bene..”

la vita ha sempre un senso…….la morte no!

È da quel giorno che mi sforzo di trovare più che il senso della vita ,il senso della morte in questa dolorosissima vicenda.Purtroppo la teoria cristiana della esigenza da parte di Dio di avere affianco a se i buoni e giusti non basta a colmare il vuoto e lo sconcerto che la scomparsa di Umberto ha arrecato al mio cuore.Nessuno e sottolineo nessuno potrà mai fornirmi una ragione plausibile che giustifichi la scomparsa prematura di un ragazzo che tanto ha dato alla vita ma che ancora tanto aveva da dare.LA SFORTUNA!Questa è la parola chiave che azzera tutte le teoria dinanzi alla quale tutti abbassiamo il capo sentendoci impotenti e talvolta mortificati per non essere in grado di cambiare le sorti della nostra vita.Una sola cosa mi rincuora ,che di certo un giorno ci rincontreremo ed allora avremo tempo per raccontarci tutto cio che è stato ……………..o che sarebbe potuto essere!

Canzoni

E’ passato qualche mese da quando qualcuno mi ha chiesto di cantare “ovunque proteggi” durante la messa in ricordo di Umberto, il 19 novembre. Non la conoscevo, non l’avevo mai sentita…Quando l’ho ascoltata per la prima volta ho provato un’emozione fortissima per la profondità e il senso di quelle parole cantate con quel tono smorzato e intimo…mi ha riportato subito a lui…alla profondità e alla discrezione che lo caratterizzavano… e ho pensato subito che non sarei mai stata capace di cantarla…sia perchè sapevo quanto fosse importante per lui e per i suoi cari, sia per l’emozione troppo grande che avrei provato…ma sentivo di dover almeno tentare…Quando è arrivato il momento, fino a un attimo prima che iniziasse la musica stavo per rinunciare, ma poi appena è partita la prima nota non so cosa sia successo, ho sentito una forza dentro di me che non so spiegare, e mi è sembrato tutto naturale…io non ricordo molto, e non so come ho cantato, so solo che sentivo che lui era lì….non ne ho parlato prima perchè è stata forse l’emozione più grande della mia vita, ed è una cosa che non riesco a spiegare a parole…sono sicura che lui stesse ascoltando, come ha fatto migliaia di volte…ormai questa canzone è diventata un pò anche mia, la ascolto in alcuni momenti particolari…e anche per questo devo ringraziare Umberto.
Teresa

2 febbraio 2008.

2 febbraio 2008. Festa a sorpresa, per Umberto, per festeggiare il suo compleanno.
A sua insaputa, organizzamo una serata in compagnia, anche con amici che lui non vedeva spesso e che non si aspettava di ritrovare proprio quella sera.
Gli cantammo la canzone di auguri, spense le candeline, scattai numerose foto.

È trascorso un anno da quel giorno.
Durante quest’anno, è accaduto quell’evento incredibile che ha causato la morte di Umberto.
E allora mi chiedo, al di là di qualsiasi retorica e qualsiasi sentimento, e con animo oramai sereno, se un anno fa festeggiavamo il compleanno di Umberto e ieri mattina ne veniva celebrata una Santa Messa in ricordo,
dov’è, se esiste, il “Senso della vita” in questa storia?

Un Oceano di Silenzio

Un Oceano di Silenzio scorre lento
senza centro né principio
cosa avrei visto del mondo
senza questa luce che illumina
i miei pensieri neri.
Quanta pace trova l’anima dentro
scorre lento il tempo di altre leggi
di un’altra dimensione
e scendo dentro un Oceano di Silenzio
sempre in calma.

[Il Silenzio & lo Spirito – Eugenio Finardi – 2003]

92 giorni. Tre mesi. Brancolando nel buio. In silenzio.

Maria Rosaria

2 Febbraio – Il compleanno di Umberto

Il 2 febbraio è il compleanno di Umberto.
Lo scorso anno con la complicità di Chiara, Cristina e Giuseppe, organizzammo una piccola festa a sorpresa.
Anche se molto imbarazzato, ne fu felice.
Quest’anno lo ricorderemo al Convento dei Frati Minori di Montoro Superiore alle ore 8.00 del 1 febbraio.
Maria Rosaria